Al via il progetto Biosensore

nanotecnologico basato su cristalli liquidi 

fotosensibili finanziato dalla Nato

1147 struttura dell'acqua_1.jpg

Martedì 25 agosto alle ore 13:00 si terrà per via telematica tramite Google Hangsout Meet (https://meet.google.com/kyc-hihz-utb) il kick-off meeting del progetto “Biosensore nanotecnologico basato su cristalli liquidi fotosensibili – NANO-LC”. Il progetto - promosso nell'ambito del programma Science for Peace and Security istituito dalla NATO - verrà sviluppato da un team internazionale e multidisciplinare coordinato da Luciano De Sio del Dipartimento di Scienze e Biotecnologie medico-chirurgiche di Latina, diretto da Antonella Calogero, afferente alla facoltà di Farmacia e Medicina presieduta dal preside Carlo Della Rocca. Inoltre, il progetto si avvale della collaborazione di Kwang-Un Jeong della Jeonbuk National University (Repubblica di Corea). NANO-LC mira a sviluppare un nuovo biosensore nanotecnologico utilizzato per la rilevazione di batteri nocivi che possono essere dispersi, intenzionalmente o involontariamente, nelle acque potabili. La contaminazione di condotte idriche con patogeni o biotossine, potrebbe essere utilizzata come un'arma biologica di distruzione di massa, per questo essa ѐ una questione di biosicurezza particolarmente rilevante. Il progetto triennale NANO-LC, si inserisce pienamente in questo contesto, perchѐ contribuisce agli obiettivi strategici della NATO sviluppando una nuova generazione di sistemi di allerta precoce che monitorano la qualità dell’acqua, proteggendo così i consumatori e riducendo al minimo tutti i rischi correlati. Il dispositivo combina innovative tecnologie basate sui cristalli liquidi con i vantaggi delle nanotecnologie. Infatti, un array di nanoparticelle d'oro funzionalizzate chimicamente (per la selezione di patogeni specifici) verrà ricoperto con un film sottile di cristallo liquido fotosensibile (per il rilevamento dei patogeni in tempo reale). I due strati funzionali saranno integrati con circuiti microfluidici che consentiranno il controllo dell’interazione tra patogeni e biosensore.  NANO-LC promuove attivamente la cooperazione scientifica tra un membro della NATO (Italia) e una nazione partner (Repubblica di Corea). Il consorzio si fregia del supporto di un prestigioso end-user: Air Force Research Laboratory (USA) che assisterà il team internazionale durante la fase di ricerca e sviluppo, orientando l’evoluzione della ricerca verso la messa a punto di un dispositivo industrialmente rilevante.